mercoledì 29 aprile 2009

Per chi ha la memoria corta…

Il 26 Aprile cadeva il ventitreesimo anniversario dell’incidente alla centrale nucleare di Chernobyl. Io avevo 9 anni e ricordo lo sguardo sgomento dei miei familiari, il divieto di comprare latte fresco e verdure, gli speaker dei tg sempre più sbigottiti. Era un momento in cui tutti sentivamo la paura di una guerra nucleare e dell’inverno nucleare. Avevamo ancora in mente l’orrore delle bombe sganciate sul Giappone, l’URSS faceva ancora paura, documentari e fiction si susseguivano sull’argomento. Poi l’anno successivo nel mio giradino fiorì una rosa come quella del film “Sogni” di Kurosawa… Nel centro non c’erano pistilli ma ripartiva il gambo con un altro boccio. Poi iniziarno gli abeti: i nuovi rametti non avevano più un ordine, erano contorti, non c’era più un ramo principale, ma era tutto un caos… E alla fine alla micia nacque un gattino a 5 zampe. Ricordo sempre la faccia sbigottita del veterinario. Chissà, magari anche io, considerando il carattere, sono un po’mutata… Poi ci fu il referendum nel 1987. Ci sentimmo tutti molto più sereni, se non altro non avremmo avuto qualche mostro gigantesco radioattivo accanto a casa. Cominciarono a vedersi i cartelli dei comuni con scritto: Comune denuclearizzato… Ma che voleva dire poi? Eppure faceva sorridere anche perchè ci rassicurava.

Ecco, oggi che sentiamo che chi comanda se ne frega del referendum, della volontà popolare, di tutto tranne che dei suoi porci quattrini e che vuole “passare al nucleare” rispondo con questo filmato e con la frase di un celebre capo indiano: QUANDO L’ERBA SARA’ TUTTA TAGLIATA, QUANDO L’ULTIMO PESCE SARA’ PESCATO, L’ULTIMO BISONTE UCCISO E L’ULTIMA GOCCIA D’ACQUA ASCIUGATA, L’UOMO BIANCO SCOPRIRA’ CHE I SOLDI NON SI POSSONO MANGIARE.

 

Un piccolo appunto al video: l’energia nucleare non è poi così pulita, visto che lo smaltimento delle scorie è difficilissimo e costosissimo. Dopo quello che è successo con la spazzatura a Napoli, ci credete veramente che non venga fatta qualche porcata con le scorie nucleari che sono mooooolto più redditizie? La spazzatura normale puzza, inquina e fa schifo, ma le scorie nucleari uccidono e le radiazioni non puzzano. Se vi nasce un figlio con due teste o se prendete la leucemia, vi consola il fatto di sapere che la corrente elettrica in casa vostra la pagate meno grazie alla centrale nucleare?? Sapete quanto costa in termini di energia arricchire le barre di uranio radioattivo? Quanto sia costoso costruire una centrale nucleare sicura? Alla fine dei conti, guardando il guadagno e considerando i rischi non è proprio questo gran vantaggio… Inoltre in una centrale non si può commettere il minimo errore, perchè un errore è mortale. E noi uomini siamo per natura fallibili. Vi ho risparmiato i numerosi video strazianti sulle mutazioni dei bambini di Chernobyl e sul calvario dei tumori che sono cresciuti tantissimo dal giorno dell’incidente, ma davvero volete rischiare tutto questo per pagare meno la bolletta della luce?

P.S. Naturalmente ieri nessuno in televisione ne ha parlato. Giusto: non lo vedo, non lo sento, non esiste… Andate a farla sulle ortiche: magari radioattive, così non la fate neanche al buio… La Pulce ne scrive e ne parla eccome.

P.P.S. Se volete darvi una rinfrescata alle idee, e rileggere il testo del referendum del 1987 potete andare qui:referendum_nucleare_1987.htm 

(La segnalazione del sito con il testo completo della legge è opera di Marbe, sempre vigile e corretta).

 

Aloha radioattivi!

16 commenti:

dora ha detto...

Io aggiungerei che, oltre i rischi, non è nemmeno vero , almeno per l'Italia, che questo tipo di energia costi meno. Dobbiamo pagare l'uranio, che non abbiamo;dobbiamo pagare la tecnologia (vedi l'orrido accordo con la Francia); dobbiamo pagare lo smaltimento, avendo un territorio altamente sismico in molte parti e a rischio alluvioni . Insomma è il solito affare offerto sul piatto d'argento ai ladri e alle mafie.

emily ha detto...

ciao bella, è così come dici. E' tutta una questione di soldi e poi chi se ne frega! Mi sale una rabbia per la cattiveria, l'idiozia e l'avidità dei "potenti". Mi metto in prima fila per lottare contro il nucleare! Sono pronta alla rivoluzione!

Pollon ha detto...

Quoto ogni singola tua parola!! La penso esattamente come te, anche se forse in realtà non interessa costruire veramente delle centrali nucleari (che cmq non sarebbero pronte prima di anni!) ma solo dare in appalto le costruzioni facendo sparire milioni di euro.. ma sai, in qualche modo bisognerà pur rendere certi favori.. o centrali o ponte.. accidenti alla pensata più geniale!
Ciaoooo!!!

Many ha detto...

Bravissima Lucia, ti quoto in pieno. Maledetti loro, che speculano sulla vita della povera gente, ma la cosa che mi fa più rabbia è questa schifosissima (non)cultura di massa, la gente che senza capire e senza nemmeno voler capire ha messo a capo del nostro paese questi personaggi che in nessun altra parte del mondo avrebbero tutto questo potere. Solo noi riusciamo a fare queste cose, sono disgustata...

Winnie ha detto...

Purtroppo devo dire che anche quando c'era il precedente governo, si era ventilata l'ipotesi di passare al nucleare. Se è vero che ogni popolo ha il governo che si merita siamo messi parecchio male. Il tentativo migliore che si possa fare è quello difare in modo di tenere le persone informate, veramente e non con la testa piena di dicerie e di slogan cretini. Insomma ricominciare a costruire una coscienza civile e riempire il vuoto lascaiato dal menefreghismo e dall'ignoranza collettiva. Ci vuole tempo, ci vuole impegno, perchè l'indifferenza ben nutrita deigli ebeti televisivi ha un'inerzia incredibile, ma i cambiamenti avvengono e io ci credo...Se invece di produrre più energia cominciassimo a pensare modi per consumarne meno non sarebbe male, oppure per aumentare il rendimento dei nostri macchinari.Certo, tutte queste cose non vanno avanti senza un cambiamento di mentalità e senza fondi adeguati per chi fa ricerca. Dovremo tutti rinunciare a qualche nostra abitudine consolidata, a qualche comodità, ma credo che il giovamento per noi e per le future generazioni sarà enorme.
Aloha speranzosi...

Anonimo ha detto...

ahahahahaha...questo è troppo...pure la gatta a 5 zampe! e il cane a 3 teste no? Pier

Winnie ha detto...

Al gatto a cinque zampe puoi crederci o no caro Pier, ma di coglioni a due zampe come te ne incontro tutti i giorni!

Emily ha detto...

grande Winnie. Sai Pier ti consiglio di documentarti sull'argomento verrà il momento di dover lottare per l'incolumità dell'uomo e l'ignoranza rischia di far finire male tutti! Se fossero tutti con la mente tra le nuvole come te si sarebbe già estinti.

Cocca78 ha detto...

quello che fa più paura è il menefreghismo!!!!
e mio non-caro Pier... a Winnie sarà nata una micetta a 5 zampe... ma mi sa che a te il nucleare ha fulminato i neuroni!
E se fosse solo per la gente menefreghista e superficiale come te costruirei mille centrali nucleari... forse il mondo sarebbe leggermente migliore!
Baci baci
Carlotta

federica ha detto...

Io conoscevo una ragazza russa che abitava proprio lì vicino e mi ha detto che loro sono stati informati alcuni giorni dopo l'accaduto, a pensare che in quei giorni da loro era festa e tutti raccoglievano dal proprio orticello e andavano a fare le scampagnate così se la sono beccata in pieno tutti.
Moltissime donne soffrono, specialmente le ragazze che allora erano piccole piccole, di tumori al sistema riproduttivo.
In ogni modo tutto questo è accaduto per la cattiva manutenzione dello stabilimento è successo purtroppo come sono accadute tante altre cose brutte tutta colpa della negligenza delle persone.

Anonimo ha detto...

che finezza la winnie! avevo intuito dai tuoi post che non sei il tipo che sa sostenere un dialogo civilmente (ma anche le tue amiche non scherzano)! PS vi ricordo che le centrali sono in Francia, proprio dietro le Alpi...in ogni caso siamo già in pericolo, a prescindere dalla presenza o meno in Italia. Saluti carissime, Pier

Winnie ha detto...

Caro Pier, hai ragione le centrali nucleari le abbiamo proprio dietro le Alpi e se succedesse un incidente, e sono già successi purtroppo, ne subiremmo le conseguenze perchè purtroppo la radioattività non conosce confini. Ma averle in Italia significherebbe arrendersi supinamente ad una volontà cieca e legata a logiche di profitto. Per quanto riguarda le tue affermazione sulla mia capacità di sostenere un dialogo civile, posso dire che io almeno ho un link, mentre tu non hai avuto nemmeno la civiltà o il coraggio di lasciare un indirizzo per ascoltare la mia replica. La mia replica è stata così diretta e arrabbiata non perchè abbia tu un'idea diversa dalla mia, ma perchè mi hai dato della bugiarda e ti sei è fregato del dolore che ho provato quando la piccola Gengia (la gattina a 5 zampe) è morta a 3 mesi in conseguenza delle gravi deformazioni con cui era nata. Io ho l'abitudine di dire le cose senza molti giri di parole, cosa che considero una virtù non un difetto. Se la sua storia sfortunata sia legata direttamente alla radiazioni non lo so, ma tre coincidenze sono un po'troppe, no?
Come vedi sono così civile e aperta al dialogo da non cancellare la tua replica. Ti prego di non insultare le mie amiche, che hanno solo preso le mie difese, anche loro con una schiettezza che fa onore a tutte loro. Inoltre se i miei post ti fanno tanto schifo e sono incivili, perchè continui a leggerli?
Aloha!

Pollon ha detto...

Ma perchè le persone ancora si ostinano a non capire che il problema non sono le centrali in sè per sè??! E' ovvio la tecnologia oggi è differente, i rischi di incidenti si sono abbassati ( non certo spariti) e abbiamo centrali anche al confine, ma il vero problema sono le SCORIE!!! E noi siamo Italiani.. non nascondiamoci dietro ad un dito.. non sappiamo come fare a smaltire della "semplice" spazzatura figuriamoci delle scorie nucleari!!
Ovviamente direbbero che sono in posto sicurissimo ma io sono certa che finirebbero sotterrate in qualche campo di Napoli assieme a residui ospedalieri e spazzatura..

Ila.

Anonimo ha detto...

mi spiace che ti sia alterata per il mio commento fuori coro, io non ho un blog quindi non potrei lasciarti un link ma sono tornato di proposito a leggere la tua accorata replica...in ogni caso non ho mai detto che i tuoi post mi facciano schifo anzi!li trovo solo un po' troppo agitati, come se dovessi dimostrare di essere una ragazza fin troppo mascolina nel modo di reagire,quando invece probabilmente sei estremamente sensibile sebbene tu faccia di tutto per nasconderlo abilmente, tuttavia li leggo e rido!
Comunque sono certo che sarai lieta di perdere un lettore fastidioso come me! Adios e buona fortuna!Per

Winnie ha detto...

Caro Pier, come dice il proverbio c'è sempre una prima volta... Me ne hanno dette tante negli ultimi tempi, ma è la prima volta, giuro, che qualcuno mi dice che sono mascolina... Per l'ironia e l'umorismo graffiante spesso mi sono presa dell'acida, ma mascolina mai. Forse è una caratteristica maschile essere decisi e mordaci nelle risposte? O credere in quello che si dice? Questo non mi impedisce di ascoltare anche gli altri, di cercare un confronto e perchè no, cambiare idea. A me fa sempre piacere ascoltare un'opinione diversa dalla mia, perchè c'è sempre da imparare qualcosa, basta che la faccenda non mi tocchi negli affetti, soprattutto in quelli legati alle mie bestiole. Mi dispiacerebbe perdere un lettore che ho fatto ridere. Se vorrai rileggermi mi farà piacere, basta che tu non mi dia lezioni di femminilità (potrei fare un'eccezione se camminassi su tacco 12 come so fare io... )e non tocchi le bestie, con qualunque numero di zampe siano nate...

apaolal ha detto...

hai ragione.. troppo spesso dimentichiamo queste cose.. invece bisognerebbe tenerle a mente sempre..
bellissimo blog, il tuo.
complimenti
ciaoooo
annapaola